Migliorare la comunicazione

Articolo a cura di: Sara Sacchini

Keep calm and... è ora di migliorarsi!

Hai mai provato a cercare il sito della tua struttura ricettiva su Google?

Può sembrare una banalità, ma talvolta presi dai mille impegni giornalieri dimentichiamo di premere un attimo sul tasto “pausa” per osservare le nostre azioni dall’esterno.

In questo periodo di fermo obbligatorio abbiamo l’occasione di dedicarci anche a tutte quelle cose che abbiamo sempre rimandato o messo in secondo piano, con un’attenzione in più per la situazione delicata nella quale ci troviamo.

È un’ottima opportunità per migliorare anche la visione che hanno gli altri della nostra attività e quale miglior campo se non quello ​online​, proprio adesso che sono tutti connessi H24?

Migliorare visibilità Hotel
Migliora la tua visibilità online

Come scoprire la posizione del nostro sito

È ormai risaputo che chi non si posiziona nella prima pagina dei risultati di ricerca di Google resta invisibile agli occhi di potenziali clienti. Competere con le grandi OTA non è semplice, poiché loro hanno possibilità di investire decine e decine di migliaia di euro per pubblicizzarsi al meglio, ma anche una piccola attività con le dovute accortezze, può evitare di scomparire del tutto.

Per chi possiede già un sito web è il momento di provare un piccolo trucco

Selezionate la navigazione in incognito dal browser, dopodiché digitate nella barra di ricerca di Google (sì, vi parlo solamente di Google poiché cattura il 95% delle ricerche online) il nome della vostra struttura e la città in cui si trova, ad esempio: “Hotel Pallino Roma”.

Così facendo avrete un’idea di come avete lavorato fino a questo momento.

Se il risultato non vi soddisfa potrete decidere come agire per migliorarlo: sicuramente un ottimo consiglio è quello di affidarsi agli esperti del settore (ad esempio un ​webmaster​), poiché con l’esito del vostro posizionamento vi giocate l’opportunità di disintermediare una prenotazione.

Si stima, infatti, che un potenziale cliente esegua una prima ricerca tramite Booking, Expedia o altre OTA e dopo una scrematura ricerchi le strutture preferite su Google, per avere maggiori informazioni.

Sarà fondamentale pertanto creare o rivendicare le posizioni su Google My Business e curarne ogni dettaglio:

  • foto
  • informazioni
  • collegamento al proprio sito web
  • per chi usa Google Ads, anche al booking engine

Controlla i tuoi contenuti su tutti i canali

Esistono molti booking engine, con varie fasce di prezzo e strumenti, che si interfacciano direttamente con il gestionale presente in struttura, semplificando le varie attività da svolgere.

Imprescindibile è, tuttavia, la presenza sui social media anche per coloro che al momento non possono investire in nuovi strumenti: creare pagine business su Facebook e Instagram è a costo zero, non ci sono scuse!

Anche su queste pagine dovrete caricare foto di qualità, magari che ritraggano dettagli presenti nella vostra struttura ricettiva, che raccontino la sua unicità, la sua storia, cosa vi rende riconoscibili... insomma: perché dovrebbero scegliervi?

Perché dovrebbero scegliervi?

siate la migliore risposta ad un problema / necessità

I social ai tempi del COVID-19

Create post che parlino di voi, del vostro staff, di come state eseguendo le pulizie straordinarie e la sanificazione degli ambienti in vista della riapertura, di quali misure state adottando per affrontare l’afflusso dei clienti e gestire tutto in sicurezza.

Offrite rassicurazione e tutte le informazioni che possano dar tranquillità a chi è intenzionato a scegliervi per un futuro soggiorno.

Create un video con le FAQ che avete raccolto leggendo le recensioni o che ritenete possano essere utili, così da metterci la faccia e far vedere che ci siete nonostante tutto.

Le vostre informazioni devono essere accurate, controllate di aver inserito correttamente:

  • indirizzo
  • numero di telefono
  • e-mail e link al sito web, se lo avete

Predisponete risposte automatiche nella chat di Facebook nelle fasce orarie nelle quali non potete rispondere tempestivamente, personalizzandole (verrà riportato all’interno della risposta il nome del cliente, così da risultare meno “fredde”).

Rispondete in maniera sincera, gentile ed esaustiva quando avete contatto diretto, senza avventurarvi in promesse che non siete certi di poter mantenere (come possibili date di fine emergenza).

Quando ripartirete potrete creare delle sponsorizzate ad hoc sui canali social, quindi già da ora iniziate a buttar giù idee per possibili pacchetti esperenziali nella vostra struttura: degustazioni, corsi di cucina, visite guidate nella vostra cantina. Pensate a tour organizzati con tour operators locali, riprendendo i contatti con chi come voi vive il vostro territorio e desidera valorizzarlo portandolo a nuova vita quando l’emergenza sarà rientrata.

E il budget?

Fondamentale è adesso non farsi prendere dallo sconforto e non cadere nell’errore di ritenere che tutti questi mezzi ​digital​ siano solo perdite di tempo: non sparite per i vostri clienti!

Dati alla mano è provato che le aziende che hanno continuato a investire in marketing anche in periodi di forte crisi hanno registrato un’ottima ripresa, contrariamente a quelle che hanno fatto buio​.

Se avete necessità di ridurre le spese di investimento per il ​marketing​, non le azzerate, ma riducetele al massimo di un 50% e concentratele su quelle online, che con spese contenute portano maggiori risultati e visibilità.

Puntate a un target mirato: individuando il vostro pubblico con l’online marketing spenderete una frazione della cifra rispetto alle spese richieste per campagne di stampa o annunci TV.

Sull'Autore di questo articolo

Privacy Policy
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram